Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Pilastro europeo dei diritti sociali a Göteborg

“L’impegno e i presupposti per creare un’Europa inclusiva per sostenere l’equità dei mercati del lavoro e dei sistemi di protezione sociale ci sono” ha commentato il premier svedese Stefan Löfven a conclusione del Social summit tenutosi a Göteborg settimana scorsa durante il quale il Parlamento Europeo, il Consiglio e la Commissione UE si sono trovati d’accordo nell’affermare che per superare gli squilibri tra le diverse aree mondiali in termini di competitività occorre intervenire sulle scelte macroeconomiche di fondo. “È un momento storico per l’Europa la cui Unione è sempre stata un progetto sociale che va oltre il semplice mercato unico” ha dichiarato il Presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker dopo la firma del pilastro europeo dei diritti sociali che stabilisce i principi e diritti fondamentali per sostenere il buon funzionamento e l’equità dei mercati del lavoro e dei sistemi di protezione sociale. Significativo per invertire il declino relativo dell’industria europea sarà il coinvolgimento delle parti sociali sulla politiche europee che influenzano direttamente o indirettamente il mercato del lavoro, la formazione, la digitalizzazione, il commercio e il cambiamento climatico. “In termini di competitività una buona formazione sarà decisiva per favorire la crescita dei posti di lavoro e per ridurre le disuguaglianze” ha concluso Stefan Löfven, riassumendo alcune proposte avanzate da diversi Stati membri tra cui la promozione del multilinguismo, il riconoscimento dei diplomi della secondaria superiore e dei curricola in modo da permettere scambi già prima dell’università.

Traduzione a cura di: Ida Montrasio

Condividi:

Articolo Precedente:

Articolo Successivo: