Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Dalla culla alla bara ogni giorno si impara

educazione intergenerazionale bambini anziani rassegna stampa svedese assosvezia

Educazione intergenerazionale nel comune di Övertorneå dove l’asilo condivide gli spazi con la casa di riposo. Tra favole e attività di gruppo piccoli e grandi si incontrano e si stimolano a vicenda. Il progetto nasce dalla riflessione sull’isolamento sociale delle persone anziane. Il contatto genuino con i piccoli è la medicina migliore contro la solitudine, la depressione che spesso porta a un accelerato declino fisico. Al contempo i bambini imparano imitando la saggezza di chi ha vissuto. “È bello poter riprendere il modello virtuoso di una volta quando tre generazioni vivevano sotto lo stesso tetto tramandandosi le tradizioni della comunità” spiega Tomas Vedestig, portavoce della giunta comunale, rivelando il secondo obiettivo della convivenza dei due gruppi che punta al recupero e alla preservazione della lingua meänkäli, tipica di Tornedalen. La struttura ospita 14 anziani e 10 bambini e si sviluppa in due reparti con alcune aree in comune. “Teniamo sempre conto dei rischi di proliferazione dei malanni di stagione tipici dei bambini e debilitanti per gli anziani. Allo stesso modo ci stiamo attrezzando per essere in grado di spiegare in modo pedagogico ai piccoli l’evento della morte che sappiamo sarà un argomento ricorrente” assicura la mediatrice linguistica e culturale Marianne Mäki comprendendo bene la riluttanza di chi nutre delle riserve sull’insolito esperimento sociologico.

Traduzione a cura di Ida Montrasio

Condividi: