Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Apocalypse soon: gli effetti del cambiamento climatico sono sempre più tangibili

effetti cambiamento climatico in svezia

Tra 80 anni niente sarà più come prima. I cambiamenti climatici sono una realtà tangibile anche in Svezia dove alcune comunità costiere dovranno affrontare un pericoloso aumento del numero di eventi marini estremi. L’acqua degli oceani si riscalda, le calotte di ghiaccio si sciolgono e, con il progressivo aumento del livello del mare, le inondazioni costiere rischiano di diventare sempre più frequenti e intense. “Non è fantascienza, da noi sta già succedendo” avverte Anna Möller, funzionario pubblico nel comune di Vellinge, che sta valutando le misure per affrontare il problema delle inondazioni migliorando il drenaggio e altre infrastrutture tra cui una barriera anti-alluvioni lunga 21 km per proteggere il centro abitato e i cittadini dalle calamità. La natura mutevole di questi eventi influirà soprattutto sulle regioni meridionali della Svezia, lungo le coste dello Skåne, Halland e Blekinge. Secondo le più recenti proiezioni del centro meteo svedese SMHI, entro il 2100 l’innalzamento del mare a Skanör, l’estremità più meridionale della Svezia, è stimato su una media di 78 cm fino a un culmine di 3 metri durante eventi estremi dovuti al concorso di maree e tempeste. Anche le regioni costiere più a nord saranno soggette a inondazioni, probabilmente con effetti generali meno drammatici. “Tutti i comuni che affacciano sul mare, lungo un fiume o nei pressi di un lago si stanno attivando per rinforzare le difese in concomitanza di questi eventi che saranno una delle minacce più grandi che l’umanità dovrà affrontare in futuro” afferma Emma Bonnevier, portavoce del SKL, l’associazione degli enti locali e delle autorità regionali svedesi.

Traduzione a cura di Ida Montrasio

Condividi: