Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Industria 4.0: case study e novità per il 2018

eventi assosvezia camera di commercio italo svedese studio de berti jacchia forlani franchini dejalex massimiliano gazzo industria 4.0 update praxi angela valente tax seminario 22 febbraio 2018

Lo Studio De Berti Jacchia prosegue il suo impegno a fianco delle imprese svedesi nei progetti “Industria 4.0”. Dopo il workshop organizzato lo scorso anno, il 22 febbraio si è tornati a parlare di Industria 4.0 con particolare riferimento alle competenze tecniche e all’esperienza maturata nel 2017 nella realizzazione di progetti di innovazione digitale.

Il workshop, organizzato dallo Studio De Berti Jacchia congiuntamente con la società di consulenza PRAXI e Assosvezia, ha richiamato l’attenzione delle aziende associate interessate ad accelerare la transizione verso le nuove tecnologie digitali e alle nuove opportunità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018.

Ad aprire i lavori e a fare gli onori di casa il Vice Presidente di Assosvezia Davide Binaghi, che ha ricordato l’impegno assunto da Assosvezia nella diffusione del progetto Industria 4.0 che ha visto coinvolto anche il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, e Massimiliano Gazzo, Tax Partner dello Studio De Berti Jacchia e responsabile del progetto Industria 4.0, che ha invece velocemente ripercorso gli obiettivi dell’Industria 4.0 e il lavoro compiuto finora dallo Studio e da PRAXI con cui è stata pattuita una collaborazione su tali progetti.

La parola è quindi passata ad Andrea Del Monte, Senior Partner PRAXI e Coordinatore Nazionale PRAXI Informatica, che dopo una breve introduzione della società, ha illustrato quali sono le opportunità concrete per le imprese che derivano dalla trasformazione digitale. Insieme con l’Ing. Alberto SantinResponsabile divisione Valutazioni e Perizie PRAXI, hanno presentato dei “casi di successo” delle strategie Industria 4.0 realizzate mediante la collaborazione con il dipartimento tax dello Studio De Berti Jacchia.

La discussione si è poi dipanata sugli strumenti legislativi e le agevolazioni fiscali ottenibili dai progetti Industria 4.0. Massimiliano Gazzo ha illustrato i risultati ottenibili dall’applicazione dell’iper e superammortamento (ammortamento al 250% e 130%) per le aziende che si impegnano negli investimenti digitali.

Il dibattito è poi proseguito con Angela Valente, Senior Associate del dipartimento tax dello Studio De Berti Jacchia, e Luca Ciccotelli, Senior HR Professional di PRAXI, che hanno introdotto il tema delle “competenze per l’Industria 4.0”. Nello specifico, dopo aver delineato le caratteristiche principali del credito di imposta per la formazione 4.0 dei dipendenti (una delle principali novità della Legge di Bilancio 2018), la discussione è proseguita sulla importanza di creare una cultura alla formazione in azienda. Diviene oramai imprescindibile considerare tutti i fattori che concorrono alla realizzazione della factory 4.0 tra i quali la creazione di nesso tra trasformazione digitale e formazione 4.0 dei lavoratori.

Testo a cura di Angela Valente – Associate Tax Department presso Studio legale De Berti Jacchia Franchini Forlani | Foto di Assosvezia


L’edizione precedente:

10/04 | Industria 4.0: dalle intenzioni alle azioni

Condividi: