Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Ricircolo virtuoso

ricircolo virtuoso riciclaggio bottiglie pet record returpack rassegna stampa svedese

Nuovo record svedese nel riciclaggio di bottiglie in PET. Sono più di 2 miliardi i contenitori consegnati l’anno scorso negli appositi punti di raccolta in tutto il Paese. Lo riporta la società di riciclaggio di bottiglie Returpack che nel 2018 ha registrato un risultato particolarmente positivo. In media, gli svedesi riciclano 201 bottiglie di PET a persona, con dei picchi in alcune regioni come il Värmland dove la media sale a 378. “La nostra campagna Pantamera per incoraggiare gli svedesi a riciclare di più attraverso una strategia basata sulla ricompensa è stata un successo” afferma Katarina Lundell, responsabile delle comunicazioni di Returpack. Il sistema di riciclaggio in vigore ormai da decenni in Svezia comporta appunto il pagamento di un deposito, chiamato pant, su bottiglie di plastica e lattine al momento dell’acquisto, che viene poi rimborsato per intero alla riconsegna del vuoto nelle apposite macchinette per il riciclaggio presenti in tutti i supermercati. I vantaggi del riciclaggio di questo materiale sono indiscutibili. Rispetto alla produzione ex novo, esso permette di ridurre sia il consumo di energia che l’emissione di gas ad effetto serra. Tuttavia aumentando le vendite delle bibite, molte delle quali optano per imballaggi con una capienza inferiore, il volume di rifiuti continua a crescere. “Sta diventando difficile stare dietro al ritmo dei consumi nel procedimento di riciclaggio, che in effetti è calato dello 0,4%” constata Katarina Lundell. Tutto sommato comunque la strategia è vincente e ha comportato un risparmio energetico di 4 miliardi kw/h che, per usare un riferimento concreto, corrisponderebbe a 15 anni di  uso ininterrotto del cellulare da parte dell’intera popolazione svedese.

Traduzione a cura di Ida Montrasio

Condividi: