Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Corona condannata ai tassi negativi

corona svedese perde quota unità monetaria rassegna stampa svedese

Un altro duro colpo per la corona svedese che continua a perdere quota contro le altre valute. Nell’ultimo mese la corona è scesa dell’1% contro il dollaro a quota 9,2616 e di 40 punti rispetto all’euro per un controvalore di 10,473 SEK. Ad essere particolarmente preoccupante è l’indice del settore industriale che nel mese di marzo è sceso al 44,7% dal 47,6% di febbraio, al contrario delle aspettative che prevedevano un aumento al 48,0%. “L’andamento incerto della corona è fortemente connesso al trend dell’eurozona, in particolare dei Paesi verso cui esportiamo maggiormente come la Germania” spiega Richard Falkenhäll, stratega valutario della SEB, notando come l’indice delle importazioni tedesco sia sceso al 51,5% rispetto al 52,8% del mese precedente. Insomma non sarà facile riuscire a rialzare i tassi entro l’estate, come promesso dal presidente della Riksbanken Stefan Ingves, soprattutto considerato che nell’unione monetaria si sta verificando lo scenario opposto. “Non avendo sufficiente sovranità per agire isolatamente in politica monetaria, la corona svedese risulta particolarmente sensibile agli andamenti negativi esterni” constata Richard Falkenhäll lasciando trapelare i suoi dubbi sulla capacità della banca centrale svedese di controllare l’inflazione, essendo di fatto frutto di dinamiche che esulano dal suo operato.

Traduzione a cura di Ida Montrasio

Condividi:

Articolo Precedente:

Articolo Successivo: