Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Intrigo transoceanico e omertà nordica

intrigo omertà riciclaggio denaro banca swedbank rassegna stampa svedese

Riciclaggio di denaro sporco, frode aggravata e insider trading. Si fa sempre più lunga la lista di attività illecite che coinvolgono l’istituto di credito svedese Swedbank. Questa vicenda pare essere collegata allo scandalo della banca danese Danske Bank, accusata di massiccio riciclaggio di denaro russo nei Paesi baltici. Nel mirino ci sono infatti pagamenti sospetti operati dalla succursale estone tra il 2007 e il 2015 per 40 miliardi SEK. “Abbiamo ragione di sospettare che Swedbank abbia diffuso informazioni ingannevoli al pubblico e ai mercati su quanto la banca conoscesse riguardo alle attività di riciclaggio di denaro sporco nella sua divisione baltica” ha dichiarato il procuratore capo Thomas Langrot. A dispetto del mito della trasparenza svedese, l’AD Birgitte Bonnesen aveva negato qualsiasi tipo di analogia tra questo scandalo e quello danese provando a minimizzare il proprio coinvolgimento, salvo poi essere travolta dalla realtà di centinaia di conti movimentati da cittadini russi. All’indomani del raid della polizia, che sta indagando l’istituto per frode aggravata, Birgitte Bonnesen è stata sollevata dall’incarico per decisione di tre tra i principali azionisti della banca, Folksam, Alecta e AMF. La notizia ha anche comportato la sospensione temporanea del titolo in Borsa che nelle settimane precedenti aveva perso circa un quarto del proprio valore.

Traduzione a cura di Ida Montrasio

Condividi:

Articolo Precedente:

Articolo Successivo: