Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Segnali di ripresa in Italia: insight oltre alle cifre

CEO breakfast assosvezia camera di commercio aziende svedesi

Reduci dall’Economic Outlook tenutosi la settimana precedente, in cui è stata approfondita e analizzata la situazione economica dell’Eurozona e dell’Italia, il 27 marzo 2015 11 aziende multinazionali svedesi si sono ritrovate per discutere, appunto, dei segnali di ripresa economica che si intravedono nel nostro Paese.

Si tratta della terza edizione dell’evento dedicato ai CEO delle aziende svedesi in Italia i quali, durante l’incontro, trovano l’occasione di interfacciarsi tra di loro, condividendo sensazioni, opinioni e insight sul contesto in cui operano. Sebbene le aziende provenissero da tanti settori differenti – un fattore che arricchisce l’incontro in termini di qualità e completezza – non sono mancati i punti in comune e la scoperta di dinamiche condivise su cui confrontarsi.

Oltre agli Amministratori Delegati di SCA Hygiene Products, Elekta, KGH Customs Services, Tradedoubler, Munters Italia, Nordea, Atlas Copco, Ericsson, TeliaSonera International Carrier, IKEA e Alfa Laval, il cui A.D. Sergio Hicke si è prestato a fare da moderatore dell’incontro, hanno partecipato alla colazione anche Business Sweden e S.E. l’Ambasciatore di Svezia in Italia Ruth Jacoby.

Proprio quest’ultimo ha aperto i lavori, sottolineando nel suo saluto iniziale quanto l’Ambasciata ritenga importanti e istruttivi i momenti d’incontro come quello del CEO Breakfast, in cui è possibile ricavare una visione d’insieme su un panorama industriale molto ampio. Ancora una volta l’Ambasciatore ha voluto ribadire la disponibilità dell’Ambasciata ad aiutare, assistere e facilitare, per quanto nelle proprie possibilità, tutte le aziende svedesi in Italia che ne sentissero la necessità.

Esponendo a turno la propria esperienza, i partecipanti hanno ragionato sui segnali di ripresa economica in Italia che colgono attraverso l’andamento delle proprie aziende. L’opinione condivisa quasi all’unanimità è che il 2015 sia iniziato in modo positivo, continuando a viaggiare in una direzione già presa dal 2014. Infatti, già dall’anno scorso, è stato registrato un aumento dei consumi che hanno corretto dei trend negativi che pesavano persino sul commercio di quei prodotti ritenuti indispensabili. Certamente il lavoro di promozione e riorganizzazione delle aziende, in modo tale da ridurre gli sprechi, ha giocato un ruolo molto importante.

In generale, le aziende presenti hanno notato un andamento più positivo rispetto a quello prospettato, con un numero crescente di opportunità e investimenti. Continuano ad andare particolarmente bene le esportazioni, che resistono e si estendono; unica eccezione è il mercato russo che, da quando è interessato dall’embargo, ha drasticamente ridotto la domanda. Facendo un veloce excursus sul settore bancario e finanziario, gli ultimi due anni sono stati molto floridi e per questo motivo l’obiettivo è l’espansione. È opinione comune che sia indispensabile essere sempre presenti sul mercato, aggiornati, visibili e pronti a rispondere alla domanda di prodotti, in modo tale da battere la concorrenza. In questo il Marchio Svezia è di grande aiuto, poiché continua ad essere percepito come una garanzia di sicurezza, etica e qualità.

Non manca, però, qualche preoccupazione, come ad esempio il dollaro forte sull’euro; la Pubblica Amministrazione che continua a dare problemi con i pagamenti che non arrivano (sebbene si noti un miglioramento generale, grazie anche alle nuove normative introdotte dalla Comunità Europea); la politica locale particolarmente lenta e la sua caratteristica frammentazione di responsabilità; infine il sempre presente problema della corruzione. Tutti questi fattori limitano lo sviluppo delle aziende e tale modus operandi, così diffuso in Italia, diventa difficile da spiegare e far comprendere alle rispettive case madre in Svezia.

Ad ogni modo, il clima dell’incontro è stato contraddistinto da un pacato ottimismo, avvalorato dall’esperienza diretta della reale esistenza dei tanto attesi segnali di ripresa, i quali hanno certamente un peso economico, ma sono altrettanto importanti per riportare entusiasmo ed energia dopo un lungo periodo di difficoltà.

La quarta edizione del CEO Breakfast è prevista per il prossimo autunno.

www.assosvezia.it | di Viola Albertini


Le edizioni precedenti:

14 marzo 2014 – Le aziende svedesi riunite per un confronto sulla situazione attuale del mercato italiano

31 ottobre 2014 – Ritornello al futuro

Condividi:

Articolo Precedente:

Articolo Successivo: