Benvenuto in Assosvezia – la Camera di Commercio Italo-Svedese

Le aziende svedesi riunite per un confronto sulla situazione attuale del mercato italiano

CEO breakfast assosvezia camera di commercio aziende svedesiIl 14 marzo, i CEO di 11 aziende svedesi si sono riuniti per il primo CEO Breakfast organizzato da Assosvezia. L’incontro fa parte del nuovo ciclo di iniziative promosse dalla Camera, volto ad offrire ai CEO delle aziende svedesi in Italia un forum dove incontrarsi, confrontarsi e condividere le proprie esperienze, nell’ottica di elaborare idee e possibili soluzioni a problematiche che spesso sono comuni alle aziende.

A partecipare sono stati i CEO delle aziende Alfa Laval, Atlas Copco, IKEA, Maquet – Getinge Group, Mercuri International, SSAB, TeliaSonera International Carrier, Sandvik, Stena Technoworld, STS e Volvo Trucks.

A guidare la conversazione è stato Giovanni Lo Bianco di Volvo Trucks Italia, incaricato di scandire il giro di tavolo nel corso del quale è stato chiesto ad ogni partecipante di esprimersi su due domande prefissate. Le due domande sull’agenda di questo primo incontro sono state, “Operando sul mercato italiano, come è stato il vostro 2013” e “Quali sono le opportunità e le sfide che l’Italia presenta oggi”.

Le aziende presenti al meeting rappresentano settori molto diversi fra di loro, e hanno anche vissuto l’anno passato in maniera differente. La maggior parte delle aziende che hanno partecipato hanno dato testimonianza di un 2013 ai livelli del 2008, anno d’inizio della crisi economica. Soprattutto le aziende operanti nel settore industriale hanno vissuto un anno difficile dovuto al forte rallentamento del mercato interno, con pochi investimenti infrastrutturali e un consumo sempre in calo. Inoltre l’accesso al credito e le tempistiche di pagamento in Italia risultano molto difficili, come nel caso estremo dei 250 giorni per chi lavora con la pubblica amministrazione. Idee e progetti dei clienti delle aziende svedesi non mancano ma il credito alle PMI è difficilmente ottenibile. Nonostante ciò non sono mancati esempi controcorrente di investimento, di acquisizione di nuove aziende e di assunzione di personale. Chi vive soltanto del mercato interno ha sofferto molto l’anno scorso, mentre le aziende con clienti esteri hanno ottenuto un risultato più soddisfacente.

Durante i primi mesi del 2014 i CEO hanno avvertito una leggera ripresa, e si guarda con un cauto ottimismo al futuro. Sicuramente si hanno le competenze per essere competitivi in Italia ed avere una buona ripresa.

Le sfide che le aziende svedesi affrontano oggi in Italia sono diverse; riuscire ad avere più chiarezza nell’interpretare le regole vigenti, la situazione del lavoro giovanile non è delle migliori e bisognerebbe cercare di facilitare l’assunzione dei giovani stessi. È inoltre necessaria una forte spinta per aumentare i consumi in Italia.

Alla conclusione dell’incontro è stata posta la domanda se l’azienda per cui lavorate fosse vostra sareste disposti ad investire in Italia oggi? Con la risposta unanime “sì” l’incontro si è concluso lasciandoci un’esperienza molto interessante, che ci ha arricchito di informazioni precedentemente non conosciute, invogliandoci a pensare positivo e di dare un altro significato al concetto l’unione fa la forza.

Sarà organizzata una seconda edizione del CEO breakfast per le aziende svedesi in autunno.

Condividi: